Salute
Ambiente
Sport
Società
Beni culturali
Patrimoni edilizi
Imprese
Economia
Scuola
Università
Turismo Enogastronomia Virtual
Poleis
Innovazione
Tecnologica
 
 HOME > GALLERIA FOTOGRAFICA    
1
2
3
4
5
6

Museo Ferrari
Modena il via ai lavori di costruzione del nuovo Museo dedicato a Enzo Ferrari

Apertura prevista per la primavera 2011: il “cofano giallo” di copertura della nuova struttura espositiva è già un’icona cittadina. La copertura sarà realizzata con struttura in acciaio e manto in doghe di alluminio che creano una superficie a doppia curvatura, perfettamente liscia, priva di giunti in vista e a tenuta d’acqua. Ciascuna doga sarà curvata secondo la geometria di scomposizione della superficie tridimensionale in strisce bidimensionali, calcolata tramite software e ottenuta sulla doga mediante una apposita calandratrice. La struttura portante è costituita da archi principali reticolari a spinta eliminata, con tiranti posti all’interno della platea di fondazione. Tra arco e arco sono poste travi reticolari secondarie ad altezza pari a quella degli archi. In corrispondenza dei nodi superiori delle travi reticolari secondarie vengono ordite travi terziarie di tipo IPE sulle quali è collegato il pacchetto di copertura, a cominciare dalle lamiere grecate, sulle quali è disposto uno strato notevole di isolante in pannelli di vetro cellulare. Sarà un complesso museale ad alto risparmio energetico ed elevata sostenibilità ambientale, progettato su principi di bioclimatica e realizzato con materiali e soluzioni impiantistiche all’avanguardia. In particolare, è previsto l’utilizzo di un impianto di geotermia con applicazione di sonde geotermiche di tipo verticale che andrà ad alimentare i sistemi radianti di climatizzazione. L’acqua calda sanitaria sarà prodotta con pannelli solari termici, nascosti nell’area verde a ridosso della copertura; l’illuminazione delle aree espositive “cieche” sarà alimentata da pannelli fotovoltaici integrati nelle barriere di mitigazione acustica previste a ridosso della ferrovia. Le scelte impiantistiche mirano al raggiungimento del risparmio energetico, inteso non solo sotto il semplice e più immediato profilo tecnico economico ma anche come contributo al miglioramento ambientale. L’edificio stesso è stato progettato in modo da permettere una ventilazione notturna estiva in configurazione “free cooling” per smaltire l’accumulo indesiderato di energia termica nelle strutture. Il controllo ottimale dei flussi d’aria negli edifici che presenteranno velocità dell’aria molto basse, praticamente inavvertibili dai fruitori; una particolare attenzione alle problematiche del controllo acustico dei sistemi tecnologici; la totale integrazione dei sistemi di security, safety e automation che semplificherà fortemente la manutenzione degli edifici, completano il quadro delle principali scelte impiantistiche che ambiscono a fare di questo edificio un concentrato delle più moderne tecnologie, nel rispetto dell’ambiente e del benessere dei visitatori.

  Altre Gallery:

LauncherOne

Immaginario

Comma

Casa Enzo Ferrari

Insert Coin - Retrogaming 2011

PIXAR

WTE UNESCO 2011

Young Architects Program

Bernina Express

Qatar 2022

Phylla

Museo Ferrari

Dongtan Eco-City

FXFOWLE WINS IN DUBAI

Intesa San Paolo

Nardini: "fabbrica estetica"

ASUS-Lamborghini VX3 Laptop

Cirrus SR22