Salute ~ Ambiente Sport ~ Società Beni culturali ~ Patrimoni edilizi Imprese ~ Economia Scuola ~ Università Turismo ~ Enogastronomia Innovazione Tecnologica Virtual Poleis
 
Salute
Ambiente
Sport
Società
Beni culturali
Patrimoni edilizi
Imprese
Economia
Scuola
Università
Turismo
Enogastronomia
Archivio | Archives
 


Egeneration, il portale umbro per i giovani

Serve a “mettere in contatto la città informale con la città reale”, spiega l’assessore Neri. E progetto in cui arte, cinema teatro, musica e sport si incontrano insieme a tanti, tantissimi studenti italiani e stranieri

b>egeneration.pg.it arte, cinema e teatro, musica, party, sport è il portale di informazione culturale e di intrattenimento, di Perugia e dell’Umbria che contiene l’humus per la community giovane e multiculturale locale. La comunità cittadina è eclettica e polietnica, gli studenti universitari sono da sempre, anzi sempre di più, numerosissimi. Studenti o no, ora tutti i giovani residenti sul web possono trovare informazioni per vivere nel modo migliore la città e il territorio, in un contesto e in una logica globale per una situazione di vita locale.
Anche il portale parla la lingua dei giovani, la grafica è accattivante, navigarvi dentro è semplice e veloce, utile per conoscere le ultimissime sull’ultimo concerto, il party della serata, le iniziative e gli eventi culturali della città capoluogo e dell’intero territorio regionale.


i lo zoom si allarge: c’è eGMagazine.eu, un mensile di approfondimento culturale delle europe generation, on-line la seconda settimana del mese. Argomenti trattati: Europa, globalizzazione, ambiente, diritti umani, cinema, musica, libri e arte contemporanea. La redazione ha uno staff di collaboratori provenienti dagli Stati Uniti, Messico, Inghilterra, India, Belgio, Germania e Spagna. Qui si possono trovare approfondimenti, reportage, interviste e recensioni per affrontare questioni in materia di comunicazione fra culture e mobilità di persone con il punto di vista dei giovani che hanno studiato e lavorato all’estero o che ci vivono attualmente oppure stranieri che vivono a Perugia.

Questo progetto così articolato e rivolto ai, dal 2006, è sostenuto e condiviso dall’Assessorato alle attività culturali e sociali della Provincia di Perugia, guidato dall’Assessore Pier Luigi Neri. Si pone ora obiettivi quali l’incentivazione dei contenuti del magazine e un restyling del sito tale da essere una vera vetrina per la community con tante finestre per l’utente interattivo: il forum, la gallery, il blog e la possibilità di iscriversi alla newsletter bisettimanale, destinata anch’essa ad un restyling. Futuri obiettivi riguardano la strutturazione delle collaborazioni con il magazine e la realizzazione di un luogo fisico per la redazione come un locale con vetrina nel centro di Perugia che può offrire la possibilità ogni mese ad un giovane artista di esporre i propri lavori negli spazi della redazione. Prevista anche negli spazi della redazione la presenza della Provincia con proprio materiale informativo come totem, adesivi o pannelli. Insomma, un punto di incontro per i giovani in una Perugia che, con i suoi 40.000 studenti tra quelli italiani e quelli che vengono per imparare la lingua all’Università per stranieri, vuole offrire una risposta culturale e sociale alle giovani generazioni.


“Mano a mano che il Portale diventava luogo internazionale di incontro virtuale è maturata anche l’esigenza di mettere in contatto questa città informale con la città reale perché Perugia non è solo una città di passaggio, ma la città di tutti quelli che ci vivono hic et nunc. Non è il solito discorso sull’integrazione che in questo caso non avrebbe senso più di tanto – continua l’Assessore alle Politiche giovanili Pier Luigi Neri - ma l’occasione di incontro e di confronto con i giovani studenti che rappresentano senza dubbio il futuro di qualunque società. In questo senso Perugia è anche una città marinara con continui approdi e ripartenze e, se fatti drammatici l’attraversano come di recente, non modificano la sua salda identità. Più semplicemente segnalano un doloroso disagio giovanile che accomuna tutti i Paesi globalizzati, ma questo non deve farci sentire meno impegnati a creare per le giovani generazioni le migliori condizioni possibili con l’apertura di nuove prospettive”.