Salute ~ Ambiente Sport ~ Società Beni culturali ~ Patrimoni edilizi Imprese ~ Economia Scuola ~ Università Turismo ~ Enogastronomia Innovazione Tecnologica Virtual Poleis
 
Salute
Ambiente
Sport
Società
Beni culturali
Patrimoni edilizi
Imprese
Economia
Scuola
Università
Turismo
Enogastronomia
Archivio | Archives
 


Shopping on line, ma garantito, per dare più servizi ai consumatori

Con il sito www.vivashop.it diventa operativo il progetto coordinato dalla Confcommercio e cofinanziato dal bando regionale Re.Sta.

Unire la comodità, l’assortimento e la convenienza del commercio on line con la garanzia di un acquisto sicuro, perché effettuato presso negozi umbri conosciuti e presenti con i loro punti vendita su tutto il territorio. Ma anche consentire di consultare cataloghi dei prodotti on line per poi procedere all’acquisto tradizionale presso il punto vendita.
E’ questa la novità del progetto “U-Shop”, ideato e proposto dal Settore Moda della Confcommercio della provincia di Perugia e ammesso al finanziamento del bando Re.Sta. Commercio 2008 della Regione dell’Umbria, che prevedeva incentivi per l’attuazione di progetti di reti di imprese finalizzati alla realizzazione di investimenti innovativi.
Il progetto, giunto ora alla piena fase operativa, è stato presentato oggi, nel corso di una conferenza stampa presso la Sala Partecipazione di Palazzo Cesaroni, dalla presidente provinciale del Settore Moda Confcommercio Cristiana Casaioli, dal presidente provinciale Confcommercio Giorgio Mencaroni. Per la Regione, l’assessore regionale al Commercio Fabrizio Bracco e il dirigente del Servizio Commercio Enzo Santucci.
17 imprese, di diversi settori - 5 abbigliamento, 3 calzature, 2 pelletteria, 2 ottica, 2 farmacie e parafarmacie, 1 profumeria, 1 biancheria intima, 1 ambulante biancheria per la casa - per 35 punti vendita (ubicati a Perugia, Terni, Foligno, Città di Castello, Bastia, Spoleto, Corciano, Marsciano, Nocera Umbra, Torgiano) sono coinvolte nell’iniziativa cha ha portato alla realizzazione del portale www.vivashop.it, che funziona come una “vetrina collettiva”, nella quale sono evidenziate 3 sezioni: i prodotti in evidenza, i prodotti nel catalogo, l’outlet con le offerte.
Ogni consumatore potrà dunque consultare il sito – avendo a disposizione la foto del prodotto, informazioni su colori e taglie, la disponibilità, il costo, il negozio presso cui trovarlo – e decidere se acquistare on line oppure prenotarlo ed andare a comprarlo successivamente presso il punto vendita. Dal sito si potrà anche accedere direttamente al punto vendita e visionare tutta la collezione in offerta.

Non solo: tutte le imprese aderenti all’iniziativa distribuiranno ai propri clienti – previa indicazione del proprio indirizzo e.mail - una card sconto che consentirà di risparmiare su tutti i negozi del circuito e di accedere – tramite id e password – alla sezione del sito in cui sono messe in evidenza le offerte, accessibile anche a tutti coloro che si registreranno.
Sia i titolari delle card sconto che coloro che si sono registrati al sito,
riceveranno inoltre una newsletter a frequenza settimanale con l’indicazione dei prodotti in offerta nel portale, e newsletter bisettimanali con segnalazioni da parte delle singole aziende aderenti al progetto.
Questo consentirà dunque di avere a disposizione una informazione costante, comodamente nella propria casella di posta elettronica, che potrà orientare gli acquisti senza perdere tempo e senza spostarsi.
Ciò che gli utenti possono visionare ed acquistare nella vetrina virtuale di www.vivashop.it potranno trovarlo anche direttamente in negozio: infatti presso ogni attività aderente al progetto – riconoscibile attraverso vetrofania – sarà allestito un corner con i prodotti messi in offerta, come nell’outlet on line.
Curati tutti gli aspetti, compreso quello della spedizione – grazie all’accordo con un operatore del settore – e del pagamento on line, in virtù della collaborazione con la Banca Popolare di Spoleto, che ha messo a disposizione delle aziende aderenti al progetto un conto dedicato a costi particolarmente vantaggiosi per il commercio on line e delle linee di credito con condizioni particolari per aiutare le imprese negli investimenti.
La creazione del sito è la parte conclusiva del progetto, che, a monte, ha visto la realizzazione, da parte di molti dei soggetti coinvolti, di investimenti in attrezzature, arredi, macchinari.
La spesa totale del progetto ammessa a contributo è di circa 460.000 euro, per un contributo pubblico di oltre 200.000 euro.
“L’idea alla base di “U- Shop”, che è il primo dei progetti presentati da Confcommercio e finanziati con il bando Re.Sta. a prendere il via – sottolinea la presidente del Settore Moda Confcommercio Cristiana Casaioli – era quella di attivare un processo innovativo in grado di ridefinire il processo organizzativo e di vendita, anche facendo leva su strumenti di promozione on-line.
Il risultato è la creazione di un circuito di imprese - unite da un sito web comune per la vendita e la pubblicizzazione dei capi, nonché da un layout e un marchio uguali e riconoscibili - che affrontano insieme il mercato, secondo precise regole etiche, rispondendo alle nuove esigenze del consumatore, riuscendo nel contempo a gestire al meglio il problema del magazzino. Una operazione del tutto diversa, dunque, rispetto al consueto commercio on line.

Il progetto trova il suo elemento caratterizzante in un processo di digitalizzazione e informatizzazione dei cataloghi dei capi di abbigliamento disponibili, funzionali alla creazione dello shop virtuale.
Siamo imprese – prosegue Casaioli - che insieme hanno deciso di reagire alla crisi puntando sull’innovazione, di affrontare il mercato in maniera nuova, ponendoci ancora di più al servizio del cliente, comunicando con lui in maniera diretta e soprattutto garantendo l’acquisto on-line, poiché siamo tutte imprese facilmente identificabili e con una storia di molti anni alle spalle.
Il nostro auspicio e impegno è ora per un allargamento progressivo del network anche ad altre attività, sia in forma permanente, sia utilizzando il sito come temporary shop virtuale”.
Giorgio Mencaroni, presidente della Confcommercio della provincia di Perugia, ha posto l’accento sulla voglia e capacità delle imprese del terziario di investire in innovazione, nonostante la crisi, e la crescente consapevolezza della necessità di fare “rete”.
“Innovazione e reti – ha detto Mencaroni - sono valori che Confcommercio porta avanti con forza tra i propri associati.
Non a caso dei 14 progetti finanziati con il primo bando Re.Sta con una dotazione di quasi 4 milioni di euro, ben 11 - i primi in graduatoria - ci hanno visto coinvolti, e in 7 di questi siamo addirittura soggetto capofila. Ringraziamo la Regione perché in quella occasione ha accolto le istanze dei nostri settori, con finanziamenti dedicati, e cogliamo l’occasione per sollecitare alla Regione stessa uno sforzo per aumentare la dotazione finanziaria, ufficialmente ad oggi di 2,5 milioni di euro, del bando Re.Sta. Commercio 2009, rispetto al quale Confcommercio della provincia di Perugia ha presentato 9 progetti, per 195 imprese coinvolte”.



Le imprese del progetto “U-Shop”
Andrei abbigliamento Perugia
Casaioli Bruno calzature Perugia
Calzature 4p calzature Collazzone
Cappuccella calzature e pelletterie Torgiano
Centro Ottico Emmedue Spoleto
Di sole e di azzurro abbigliamento Montecastrilli (TR)
Bettelli Paolo farmacia Casteltodino (TR)
Farmacia San Feliciano Foligno
Giorgetti pelletteria Perugia
Grub Gallery pelletteria Spoleto
Memmo abbigliamento Bastia
L’occhialeria ottica Foligno
Seduzioni profumeria Marsciano
Temperini abbigliamento Taverne di Corciano
Tirelli Pasquale biancheria per la casa Perugia
Toccaceli moda abbigliamento Marsciano
Tommasino abbigliamento Spoleto