Salute ~ Ambiente Sport ~ Società Beni culturali ~ Patrimoni edilizi Imprese ~ Economia Scuola ~ Università Turismo ~ Enogastronomia Innovazione Tecnologica Virtual Poleis
 
Salute
Ambiente
Sport
Società
Beni culturali
Patrimoni edilizi
Imprese
Economia
Scuola
Università
Turismo
Enogastronomia
Archivio | Archives
 


L’Umbria, margherita virtuale da “sfogliare”

“Umbri@geo” è lo strumento innovativo, curato dal Sistema informativo regionale ambientale e territoriale della Regione Umbria, per la pubblicazione e la fruizione in rete delle informazioni territoriali e ambientali

| L’Umbria, margherita virtuale da “sfogliare”  |   | 
Una margherita virtuale da “sfogliare” per conoscere, attraverso un quiz, le caratteristiche geografiche e demografiche dell’Umbria e dei suoi principali centri. Contiene anche una sezione ideata allo scopo di avvicinare bambini e ragazzi ai temi legati alla comprensione e interpretazione del territorio “Umbri@geo”, lo strumento innovativo, curato dal “Siat” (Sistema informativo regionale ambientale e territoriale) della Regione Umbria per la pubblicazione e la fruizione in rete delle informazioni territoriali e ambientali raccolte in “Umbriageo”, la nuova infrastruttura geografica regionale per l’ambiente e il territorio. “Umbri@geo”, che è stato presentato il 24 novembre 2010 nel corso di un workshop nella sede della Scuola umbra di amministrazione pubblica a Villa Umbra, è la “porta di accesso”, collegandosi all’indirizzo www.umbriageo.regione.umbria.it, al consistente patrimonio informativo di cui dispone la Regione Umbria al quale può accedere una comunità di cittadini, professionisti, imprese, operatori della pubblica amministrazione.

“L’informazione territoriale – è stato sottolineato - rappresenta una componente strategica per tutte le attività di governo del territorio e per lo sviluppo di nuovi servizi nella pubblica amministrazione. L’acquisizione e la gestione dei dati, nel panorama nazionale, risulta spesso distribuita tra più soggetti e ciò ha generato problematiche connesse alla ‘disponibilità’ di dati, duplicazioni di contenuti, con spreco di risorse e una scarsa integrazione informativa che oggi si rende invece sempre più necessaria”.

La realizzazione di una infrastruttura geografica regionale dei dati territoriali e ambientali “risulta, pertanto, di particolare attualità – è stato rilevato nel corso del workshop - anche in conseguenza delle indicazioni contenute nella Direttiva europea ‘Inspire – Infrastructure for Spatial Information in Europe”.

Il servizio offerto dalla Regione Umbria rappresenta un’applicazione della legge regionale 13 del giugno 2009 con la quale, raccogliendo queste esigenze, è stato istituito il “Siat”, che costituisce il riferimento conoscitivo fondamentale per la definizione degli atti di governo del territorio e la verifica dei loro effetti. Con la pubblicazione dei dati geografici e servizi curata dal “Siat” – è stato detto – la Regione partecipa anche alla realizzazione dell’infrastruttura dei dati territoriali nazionale ed europea.
“Umbriageo e il suo portale - commenta l’assessore regionale all’Ambiente, Silvano Rometti – rappresenta uno strumento fondamentale per la valutazione e l’uso delle risorse territoriali e ambientali. Con esso si realizza il sistema diffuso di conoscenze sul territorio e l’ambiente, favorendo la condivisione e l’integrazione di dati, idee e progetti”.

Collegandosi al sito www.umbriageo.regione.umbria.it si possono consultare le diverse aree tematiche. L’area “servizi” consente il rapido accesso ai servizi “Wms” (Web Map Service) messi a disposizione dalla Regione Umbria, che rappresentano una modalità innovativa di accesso ai dati regionali con collegamento a un indirizzo via internet. L’”Atlante” fornisce dati e informazioni sul territorio e l’ambiente con possibilità di ricerca attraverso temi e argomenti. Attraverso “Webgis” si possono richiamare e leggere in sovrapposizione cartografie per rappresentare e analizzare il territorio con semplici click del mouse. Nel “Geoportale” si cercano e visualizzano i dati regionali, mentre nell’area “Produzioni” è disponibile la rassegna storicizzata delle produzioni cartografiche regionali con le modalità per la loro diffusione. C’è poi “Geolandia”, che è stata pensata per i “piccoli” utenti e che verrà ampliata con il loro coinvolgimento. Grafica “accattivante e linguaggio amichevole”, ma non per questo meno scientifico, per aiutarli nell’apprendimento e anche nell’esplorazione e interpretazione del territorio.

Il portale contiene anche una “Aerofototeca”, con oltre 60mila fotogrammi relativi a riprese aeree a partire dai voli storici risalenti agli anni Quaranta ad oggi e riprese aeree di varia natura che vengono messi a disposizione degli utenti, specialisti e non, dell’informazione geografica.